SITI DI INTERESSE

IT - SIBILLINIAPERTI - ARTE SACRA
POGGIO CANOSO DI ROTELLA

Le origini del borgo risalgono al 578 D.C. subito dopo la caduta di Ascoli per mano del duca longobardo Faroaldo che costrinse molti abitanti ad abbandonare la città rifugiandosi sulle alture circostanti sulle quali furono eretti svariati castelli, fra cui Poggio Canoso. Nel 1261 si ritrova il Castrum Canosae, possedimento del presidiato farfense di Santa Vittoria in Matenano, al quale fu conferita lo stato di Diocesis nullis da parte del Papa Urbano IV.

Lo status di borgo fortificato è dovuto all’azione dei monaci farfensi che diedero a questo nucleo abitato l’aspetto di roccaforte inaccessibile che ancora oggi l’insediamento più antico conserva. Si ritrovano indicazioni del castello anche nel catasto Ascolano del 1381 e nelle Costituzioni egiziane dell’Albornoz.

Del XV secolo sono anche i quattro dipinti su tavola realizzati da Pietro Alemanno della scuola del Crivelli della chiese di S.Lucia raffiguranti S.Francesco, S.Giovanni Battista, S.Emidio e S.Lucia ora conservati nei musei diocesani di Ascoli Piceno e sostituiti da fedeli riproduzioni. Da segnalare la presenza di un laboratorio didattico attrezzato dov’è possibile conoscere la flora e la fauna del Monte dell’Ascensione raggiungibile dal castello in breve tempo.


INDIRIZZO:
Rotella
REFERENTE:
TELEFONO:
WEB: